• Articolo pubblicato:Dicembre 22, 2016
📖 3 mins.
Listen to this article

L’interesse internazionale per il dicloroacetato come potenziale nuovo farmaco antitumorale è in costante crescita e, a differenza dei tradizionali farmaci chemioterapici, non provoca reazioni avverse. Uno studio condotto in precedenza dal famoso Dr. E. Michelakis ha rivelato che l’efficacia terapeutica del DCA potrebbe essere aumentata se combinato con inibitori della metilazione del DNA come Vidaza (Azacitidina).

In seguito a questa speculazione, un gruppo di ricercatori ha eseguito uno studio che ha confermato questa ipotesi e ha concluso che il dicloroacetato potrebbe essere utilizzato insieme ad altri farmaci per il trattamento antitumorale come Vidaza o Dacogen per ottenere risultati migliori a concentrazioni inferiori. Lo studio ha anche scoperto molti altri punti chiave interessanti relativi all’argomento.

Per cominciare, lo studio ha scoperto che le strutture SLC5AB sono necessarie per il trasporto del DCA nelle cellule tumorali. Questo è stato particolarmente evidente nelle cellule del cancro al seno, del cancro al colon e del cancro alla prostata.

Il gruppo di ricerca ha rivelato che il dicloroacetato entra nelle cellule attraverso i trasportatori SMCT1 (trasportatori monocarbossilati accoppiati al sodio) o i trasportatori SLC5AB (in base alla nomenclatura dell’organizzazione del genoma umano). Questo è molto importante perché ora possiamo capire quali tipi di farmaci si combinano bene con il dicloroacetato. Inoltre, possiamo anche capire quali sostanze possono bloccare l’effetto desiderato del DCA.

Successivamente, l’indagine ha dimostrato che la morte delle cellule tumorali indotta dal dicloroacetato di sodio richiede che SLC5AB sia attivo. Se le cellule hanno trasportatori di DCA alterati, l’effetto terapeutico diminuisce. D’altra parte, lo studio ha dimostrato che il DCA induce tassi di apoptosi più elevati nelle cellule tumorali, che sono ricche di trasportatori SLC5AB. Questo ci ha dato l’idea che si potrebbero ottenere risultati migliori nel trattamento antitumorale se si combinassero regimi che stimolano l’espressione di SLCA5AB e che contengono DCA.

Questo potrebbe essere vero anche perché farmaci come Vidaza(5′-azacitidina) e Dacogen(decitobina) impediscono l’aumento della metilazione del DNA nelle cellule tumorali e quindi preservano l’espressione e la struttura dei trasportatori SL5A8. Inoltre, questa forma di terapia combinata riduce la quantità di dicloroacetato necessaria.

In questo modo il dicloroacetato di sodio mostra effetti antitumorali più forti e può essere assunto per anni, perché la possibilità di effetti collaterali come la neuropatia diventa quasi nulla.

Siamo felici di sapere che il DCA ha il potenziale per essere un trattamento salvavita che potrebbe essere rafforzato con l’uso aggiuntivo di farmaci per l’inibizione della metilazione del DNA.

I recenti risultati dello studio forniscono una manciata di prove che questo tipo di terapia combinata potrebbe aiutare più persone a combattere il cancro in futuro.

Se siete interessati allo studio, potete trovare maggiori informazioni qui di seguito:
Ruolo di SLC5A8, un trasportatore della membrana plasmatica e un soppressore tumorale

Lascia un commento