Vorrei discutere del trattamento DCA il prima possibile. Mio padre ha un linfoma Non-Hodgkin ricorrente, che viene trattato con R-CHOP. Vorrei parlarne con qualcuno.

D: Vorrei discutere del trattamento DCA il prima possibile. Mio padre ha un linfoma Non-Hodgkin ricorrente, che viene trattato con R-CHOP. Dopo il trattamento, mio padre ha contratto la C.Diff e ora è in ospedale. Attualmente ci sono altre complicazioni e ha una cirrosi epatica. La R-CHOP non è la risposta. Dobbiamo cercare soluzioni alternative. Vorrei discuterne con qualcuno. Cordiali saluti, Inessa. R: Salve, Inessa, è una situazione piuttosto difficile. Da un lato, il dicloroacetato di sodio può essere utilizzato per trattare e controllare il linfoma di suo padre. D'altra parte, l'assunzione di DCA in caso di cirrosi epatica e scarsa funzionalità epatica non è sicura. Questo perché il dicloroacetato di sodio viene metabolizzato nel fegato e necessita di una buona salute epatica per essere digerito correttamente. La scelta migliore è quella di assumere la dose più bassa possibile di DCA (6,25 mg/kg al giorno) a casa o di portarlo in una clinica dove potrà ricevere il DCA per via endovenosa. Il dicloroacetato di sodio per via endovenosa provoca molti meno effetti collaterali ed è tollerato meglio del DCA orale. Se desiderate un consulto con uno dei migliori specialisti di DCA al mondo, provate a contattare il dottor Akbar Khan di Medicor Cancer. È possibile fissare appuntamenti in telemedicina o recarsi da loro in Canada. Per quanto riguarda i DCA e il linfoma non Hodgkin, come ha già notato, abbiamo un ampio articolo al riguardo: DCA e cancro: Linfoma Non-Hodgkin guarito in 4 mesi (presentazione di un caso). Il punto principale dell'articolo è che con l'aiuto del DCA è possibile ottenere la remissione e mantenere il cancro libero. Si tratta di un esempio di vita reale. Leggete attentamente l'articolo. Dopo aver finito di leggerlo, potete leggere due studi che discutono questo caso in modo più dettagliato: 1) Reversal del linfoma non-Hodgkin con il dicloroacetato (Case Report), 2) Risposta completa con il DCA nel linfoma non-Hodgkin dopo la progressione della malattia (Case report). Infine, l'infezione da Clostridium difficile potrebbe essere stata causata dalla chemioterapia ricevuta, dagli antibiotici o dalla compromissione del sistema immunitario. Se ha il C. difficile, deve essere trattato in ospedale dai suoi medici per evitare gravi complicazioni. Il medico prescriverà vancomicina, fidaxomicina e/o metronidazolo per via orale. Dovrà inoltre assumere quanti più liquidi possibile per evitare lo shock. È utile anche una dieta a basso contenuto di fibre e verdure; deve mangiare riso, pane, zuppa, pesce o pollo, ecc. finché non si riprende.

Continueremo a somministrare DCA, perché è la nostra ultima speranza, ma somministreremo anche alcune vitamine specifiche per il fegato. Dobbiamo somministrare queste vitamine o no? Esiste un dosaggio consigliato per la silimarina?

D: Il cancro ha preso la maggior parte del fegato (3/4), ma non è ancora del tutto scomparso. Stiamo continuando a somministrare DCA perché è la nostra ultima speranza, ma stiamo anche per somministrare alcune vitamine specifiche per il fegato. Dovremmo somministrare queste vitamine o no? Sul vostro sito web sembra che sia incoraggiata la somministrazione. C'è un dosaggio consigliato per la silimarina? Ho trovato questo integratore in Turchia, che consiglia 1 capsula al giorno e contiene l'80% di silimarina, ma non sono sicuro che sia sufficiente nel nostro caso. Kurtulus. R: Caro Kurtulus, grazie per averci contattato. Il dosaggio per adulti in termini di epatoprotezione è di 420 mg/giorno di estratto di silimarina (standardizzato al 70-80% di silimarina). Consiglio di assumere tre capsule da 140 mg al giorno. Prendetene una a colazione, la seconda a pranzo e l'ultima a cena. È possibile assumere anche fosfolipidi essenziali (EPL) per accelerare il recupero del fegato dopo un danno leggero o pesante. Il dosaggio consigliato è di 900-1800 mg al giorno. Assumere tre capsule da 300 o 600 mg al giorno durante i pasti. Questi integratori sono estremamente sicuri e praticamente privi di interazioni farmacologiche. Vengono utilizzati anche in ambito sanitario per favorire il recupero del fegato. Tuttavia, è necessario assumerli per almeno 2-6 mesi di seguito perché l'effetto sia evidente. È possibile assumere la silimarina e i fosfolipidi essenziali separatamente o insieme per ottenere una risposta rapida e positiva. Sta a voi decidere.

Mia sorella ha un cancro al seno ormono-recettivo in stadio avanzato con estese metastasi al fegato. Vorremmo provare il DCA, ma la mia unica preoccupazione è che, dato che il suo fegato non è in buone condizioni, è sicuro da assumere? Mi preoccupa l’insufficienza epatica. Purtroppo nel Regno Unito non possiamo assumerlo per via endovenosa.

D: Mia sorella ha un cancro al seno ormono-recettivo in stadio avanzato con estese metastasi al fegato. Vorremmo provare il DCA, ma la mia unica preoccupazione è che, dato che il suo fegato non è in buone condizioni, è sicuro da assumere? Mi preoccupa l'insufficienza epatica. Purtroppo nel Regno Unito non possiamo somministrarlo per via endovenosa. Sarei grata per qualsiasi informazione. Cordiali saluti, Reena T. R: Ciao, Reena! Sua sorella sta assumendo Tamoxifen (se sì, legga questo articolo - https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5312350/. Tamoxifen + DCA possono avere un effetto sinergico) Dalle nostre limitate conoscenze, non abbiamo incontrato nessuno che abbia assunto DCA e abbia avuto problemi al fegato. Tuttavia, mi avvicinerei a questa opzione terapeutica con relativa cautela e forse proverei a dosi inferiori a quelle medie a causa dei danni epatici esistenti. Non ci sono stati decessi legati all'uso del DCA e potete trovare tutti gli effetti collaterali in questo articolo: https://www.dcaguide.org/dca-safety-and-side-effects.This è ciò che abbiamo citato nell'articolo riguardo al DCA e alla funzionalità epatica: lieve innalzamento degli enzimi epatici (AST, ALT, GGT), senza sintomi. La maggior parte dei farmaci può causare lievi alterazioni degli enzimi epatici nel sangue. Il DCA può causare minimi innalzamenti di AST, ALT e GGT (circa 50-60 U/l) nell'1% dei pazienti. Queste piccole alterazioni non devono preoccupare. Un aumento più acuto e maggiore degli enzimi epatici può essere causato da antibiotici, tienolo/paracetamolo (acetaminofene), alcuni tipi di erbe medicinali e pillole anticoncezionali. (Rif.) ▪ DCA e fegato. In caso di insufficienza epatica e ittero grave non utilizzare dosi elevate di DCA, perché il dicloroacetato di sodio viene metabolizzato nel fegato. In situazioni come queste, il DCA deve essere somministrato per via endovenosa e non per bocca. Se il paziente presenta un innalzamento delle AST e delle ALT o della bilirubina del 150% rispetto alla norma di riferimento superiore, è necessario fare una pausa (rif.)" Se mi trovassi nella vostra situazione, controllerei la funzionalità epatica con un esame del sangue degli enzimi epatici. Non prenderei il DCA se AST o ALT sono superiori a 100 U/l. Anche la bilirubina elevata può essere un segnale di allarme in questa situazione. Tutto sommato, potrebbe usare il DCA in forma orale, solo in quantità inferiori, come 10-20 mg/kg di DCA al giorno. Le iniezioni di DCA I/V sono difficili da trovare nel Regno Unito e vengono somministrate soprattutto in Canada e in Germania. Speriamo di aver fatto luce sulla sua domanda.

Non ci sono più pagine da caricare